Ceneri del Nord

Italiano, Romanzo

 

Nel suo terzo romanzo, il grande narratore brasiliano Milton Hatoum segna una nuova tappa nel progetto di scrivere, flaubertianamente, la storia morale della sua generazione. Sullo sfondo di Manaus, capitale dell’Amazzonia, e di un Brasile che precipita verso la dittatura, nasce l’amicizia tra Mundo – aspirante artista ostacolato da un padre ricco e autoritario, amico dei militari – e Lavo, orfano di umili origini, avviato verso una tranquilla carriera da avvocato. Con le loro esistenze  sofferte e antitetiche, i due amici incarnano il dilemma tra la cieca obbedienza e la rivolta, che ha segnato drammaticamente le scelte dei giovani brasiliani tra gli anni sessanta e settanta. Tocca a Lavo, depositario e testimone attonito di segreti sepolti nel passato, ricostruire la fuga e la ribellione di Mundo, la storia di uma famiglia in cui il sangue e l’affetto non parlano la stessa lingua, e di una donna che attira su di sé passioni inconfessabili. In un romanzo amaro e intenso rivivono i conflitti che caratterizzano la narrativa di Milton Hatoum: la contrapposizione fra la violenza della storia e l’ideale artistico, fra genitori e figli, fra la natura rigogliosa dell’Amazzonia e la modernizzazione industriale e urbana. È una scrittura, quella di Hatoum, capace di transformare la finzione in memoria, con un lirismo incomparable.

traduzione d

Deixe seu comentário...